Home

III INCONTRO PLENARIO DEL CENTRO DI GRAVITA’ – OLTRE LA TRANSIZIONE

Cari aderenti al Centro di Gravità,

anche quest’anno abbiamo organizzato un incontro plenario: il 3°, dopo il 1°di Roma del 2020, ed il 2° di Avellino del 2021.

III Incontro Plenario del CENTRO DI GRAVITA’

OLTRE LA TRANSIZIONE.
Affinare la mappa per indicare i sentieri.

Sabato 26 e Domenica 27 Novembre, Roma

L’incontro servirà a rinsaldare la nostra amicizia alla luce delle interessanti analisi emerse nei nostri gruppi di studio e con il contributo di nuovi amici che abbiamo invitato, e nel segno della nostra sintonia con Giulietto Chiesa.

L’incontro, al quale la partecipazione è gratuita, si svolgerà in una sala della struttura: www.casaperferiesantaemilia.it

Presso tale struttura alberghiera c’è una disponibilità limitata, per cui volendo risiedere nel luogo dell’incontro, è necessario anticipare al più presto le prenotazioni. Roma offre, comunque, tante e varie opportunità per il pernottamento.

Aspettiamo numerose le Vostre adesioni.

La segreteria del CdG
——————————————————————————————————————–
PROGRAMMA

PRIMO GIORNO
SABATO 26, ORE 10

h 10,00 -10,15 – Introduzione della segreteria sul lavoro dei gruppi di studio.

–          h 10,15-12,30 CHI SIAMO, COSA VOGLIAMO (forme politiche e società)

2h + 15 minuti di discussione aperta

–          Piergiorgio Rosso (15’)

–          Antonella De Ninno

–          Roberto Siconolfi (15’)

–          Piero Cammerinesi (15′)

–          Sergio Los (15′) (da remoto)

–          Danilo D’Angelo (da remoto, India)

–          Rainaldo Graziani

–          Nicoletta Ferroni

–          Amrita Tejas

–          Margarida Tavares

–          Nino Galloni

–          h 12,30-13,45 LE MEDICINE

1h + 15 minuti di discussione aperta

–          Fabio Burigana (coordinatore Gruppo) 20’

–          Mauro Rango (da remoto)

–          Giorgio Giorda (da remoto)

h 13,45-15,15 Pausa pranzo

–          h 15,15-16,30 SOVRANITA’ e GEOPOLITICA

1h + 15 minuti di discussione aperta

–          Luigi De Leonibus (coordinatore Gruppo) 20’

–          Alexandr Dugin (da remoto, Russia)

–          Margherita Furlan

–          h 16,30-17,45 L’INFORMAZIONE

1h + 15 minuti di discussione aperta

–          Fabrizio de’ Marinis (coordinatore Gruppo) 20’

–          Maurizio Martucci

–          Igor Schiaroli

–          Vladislav Gavryusev (da remoto)

–          h 17,45-19.00 MONETA BENE COMUNE

1h + 15 minuti di discussione aperta

–          Simone Lombardini (coordinatore Gruppo) (da remoto) 20’

–          Guido Grossi 

–          Nicoletta Forcheri

–          Guido Preparata

fine lavori ore 19.00

SECONDO GIORNO
DOMENICA 27, ORE 9

–          h 9,00 – 11,15 QUALE SCIENZA? Perché? Per chi?

2h + 15 minuti di discussione aperta

–          Piergiorgio Rosso

–          Alberto Prestininzi

–          Enzo Pennetta

–          Mariano Bizzarri

–          Andrea Grieco

–          Fabrizio de’ Marinis

–          Roberto Germano

                   –       Fulvio Grimaldi

–          h 11,15 – 13,00 Dibattito sulle questioni emerse e conclusioni

h 13-14,30 Pausa pranzo

–          h 14,30 – 16,00 Aspetti organizzativi interni

fine lavori ore 16.00


Si prevede in loco un’offerta per la partecipazione alle spese di gestione

CONFERENZA CdG & FISI “SERVA ITALIA? ESPLORARE IL TERRITORIO DELLA CRISI” 21/04/2022 NAPOLI

Il Centro di Gravità insieme al sindacato FISI ha tenuto con successo la conferenza “Serva Italia? Esplorare il territorio della crisi” per discutere la situazione attuale in Italia, evidenziare i problemi più importanti e proporre alcune soluzioni per affrontarli. La conferenza si è tenuta il 21 Aprile 2022 alle 9:45 al Palazzo Serra di Cassano dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici in via Monte di Dio 14 a Napoli.

Il nostro evento è stato trasmesso in diretta e registrato. Pubblicheremo tutti gli interventi sulla pagina dedicata, mano a mano che saranno montati. Abbiamo colto l’occasione per commemorare Giulietto Chiesa, dalla cui idea è nato il Centro di Gravità, ed ecco il video con cui l’abbiamo fatto:

Commemorazione di Giulietto Chiesa

Per approfondire: Lettera di Invito, Locandina e pagina dedicata.

Locandina evento Serva Italia?

ESPLORARE IL TERRITORIO DELLA CRISI
DISEGNARE LA MAPPA GLOBALE

L’1 e 2 febbraio 2020 quasi 100 “intellettuali, pensatori e artigiani” italiani, di discipline diverse, provenienti da percorsi professionali, culturali e storie politiche anche molto differenti, si sono incontrati a Roma per la prima volta, innanzitutto per conoscersi, uniti nel constatare la necessità di trovare punti di convergenza e analisi comuni per fronteggiare insieme la vera e propria transizione globale di sistema che è già in pieno avanzamento e si attua in tempi sempre più rapidi.

• Affrontare questa transizione con consapevolezza e spirito critico è un compito che non può essere affrontato da individui singoli, dal solo Occidente, da una sola o da alcune civiltà; ciò richiede la cooperazione di tutte le comunità umane, di tutte le religioni, delle esperienze e delle correnti di pensiero più diverse.

• I concetti portanti del vivere umano, quelli della sacralità e della gratuità della vita, quello della giustizia, della libertà comune, della democrazia, o sono stati demoliti, oppure hanno perduto ogni concreto significato. Le istituzioni che sorsero per realizzarli o amministrarli, sono state rese inefficaci. Si dovrà crearne di nuove, che rispecchino i nuovi equilibri che la Transizione sta sostituendo agli antichi, abbattendo le resistenze dell’inerzia del Potere. Si renderà necessario costruire una nuova mappa di linguaggi, poiché perfino il vocabolario che esprimeva quei concetti è ormai in mano di chi vuole solo dominare e appropriarsi del bene comune per farlo proprio. L’educazione delle nuove generazioni al pensiero critico e dialettico è una delle leve centrali di ogni trasformazione positiva e creatrice.

Sarà necessario rivalutare i principi del diritto naturale, intuitivi e comuni all’umanità.

S’imporranno nuove norme giuridiche, che fissino i nuovi rapporti a garanzia della giustizia e della sopravvivenza. Come, ad esempio, quella che proibisce la violazione del principio di rotazione naturale; come l’affermazione del diritto di accesso alla biosfera; come il divieto assoluto della privatizzazione dell’atmosfera, delle acque e del flusso solare.

• Progresso e modernità richiederanno nuove definizioni. Occorre opporsi a tutti i tentativi di tagliare le radici e di cancellare la storia e la diversità culturale. La memoria del passato è ricchezza.

• Tutto ciò, però, non può avvenire spontaneamente. Il Centro di Gravità nasce per esplorare il territorio della crisi e liberarlo dai falsi paradigmi che — come totem primitivi — impediscono il disegno della mappa globale, che dovrà squarciare il velo tessuto dalle ideologie dominanti. Occorre una nuova visione del futuro. È necessario costruire, per questo, un’agenda condivisa di priorità. Occorre definire metodi e strumenti d’analisi atti a comprendere il mondo del XXI secolo. Occorre individuare nuove forme dell’organizzazione politica, reinventare ciò che è pubblico, di tutti e di tutte, rimettere al centro l’umanità, la responsabilità, la partecipazione, il ruolo della comunità, delle nazioni, la gerarchia dei saperi.

• Com’è chiaro da quanto precede, il Centro di Gravità non si propone attualmente come embrione di un futuro partito politico. Anche perché nasce avendo di mira i problemi globali, con l’ambizione di superare i confini italiani per divenire lievito di un sapere comune.

Scopri l’Onda di Gravità ed una Bussola per il Centro di Gravità.